Regolamenti doganali spagnoli

Franchigia doganale

Oh, i tesori che può portare con sé dalla Spagna! I formaggi, gli oli d'oliva, le chitarre di flamenco... In verità, la Spagna è un tesoro di chicche uniche. Ma si ricordi che, per quanto possano essere meravigliose, c'è un limite a ciò che può portare con sé al duty free.

Ecco un rapido elenco. In generale, se vola da un Paese non appartenente all'Unione Europea, la franchigia doganale per la Spagna consente di portare 200 sigarette o 100 sigaretti o 50 sigari o 250 g di tabacco. Può anche portare 4 litri di vino non frizzante, 16 litri di birra e 1 litro di alcolici con un volume superiore al 22% o 2 litri di alcolici con un volume inferiore al 22%.

Ora, supponiamo che si stia chiedendo di quello splendido quadro neoclassico che ha acquistato: se ha un valore superiore a 430 euro, dovrà pagare un dazio d'importazione. E, ahimè, la stessa regola si applica alla sua amata chitarra flamenca.

Franchigie fiscali

Che le campane suonino e le chitarre strimpellino, perché c'è un lato positivo! Lo shopping esente da imposte in Spagna esiste e può aiutarla a risparmiare una pignatta di euro. In pratica, se non è residente nell'Unione Europea e il valore della merce che ha acquistato supera i 90,15 euro, ha diritto ad un rimborso fiscale quando lascia la Spagna. Woohoo!

Ma c'è una fregatura, amico mio. Non può acquistare una barca di jamón ibérico e poi aspettarsi di chiedere il rimborso delle tasse. La procedura di esenzione fiscale si applica solo ai prodotti al dettaglio che saranno trasportati nel suo bagaglio personale.

Franchigia alcolica

Quando si tratta del glorioso regno degli alcolici spagnoli, il terreno diventa un po' spinoso. Si riduce a questo: se ha più di 17 anni, può portare con sé 1 litro di alcolici con un volume superiore al 22% o 2 litri di bevande alcoliche con un volume inferiore al 22%. E sì, questa quota fa parte della sua franchigia complessiva di 4 litri.

Ma ora immagini questo scenario: lei è un amante zelante del vino Rioja e ha acquistato 10 bottiglie per ricordare il suo soggiorno spagnolo. È improvvisamente un contrabbandiere? Non si preoccupi! Tecnicamente può ancora introdurle, ma dovrà dichiararle alla dogana e potrebbe dover pagare un'imposta.

Ed ecco che il nostro tour guidato delle dogane spagnole è terminato. Ma si assicuri di controllare tutte le franchigie che ho menzionato sul sito ufficiale del Dipartimento delle Dogane e Accise spagnolo. Spero che la mia interpretazione delle regole sia stata utile, ma anche un professore gioviale può sbagliare. E l'obbligo di legge non è una cosa per cui ballare il flamenco!